• No products in the cart.
  • No products in the cart.

La carota di Polignano. Presidio slow food

HomeNovitàLa carota di Polignano. Presidio slow food
carota-di-polignano-presidio-slow-food

La carota di Polignano. Presidio slow food

L’agricoltura del Tavoliere pugliese non si distingue solo per la produzione di grano o di olivi bensì è ricca di numerose altre varietà.A Polignano terra ricca di masserie ad esempio è una terra umida e fertile ed è qui che sopravvive una coltura diventata presidio slow food: la carota di Polignano. La particolarità è data dal fatto che sono carote dai molti colori: arancione, giallo tenue, giallo intenso, fino ad arrivare al viola scuro. I contadini scelgono ogni anno le piante migliori, le pongono a dimora in piccoli appezzamenti separati e scelgono i semi delle più floride. E le ripiantano dal 15 agosto al 15 settembre, senza badare al colore: così al raccolto si hanno carote di media lunghezza (dai 15 ai 22 centimetri) che presentano un’infinità di sfumature. Ma la straordinarietà di questa coltivazione sta nel sapore di queste carote. Raccolte tutte a mano.

Il recupero e la valorizzazione di questo ortaggio è essenziale per portare avanti una tradizione oramai centenaria, per recuperare la vecchia tradizione di coltivazione e le sementi custodite per generazioni dalle famiglie del luogo. Ma anche per valorizzare i contadini che al momento vendono le carote ai commercianti ortofrutticoli, i quali pagano loro un prezzo irrisorio rispetto al valore del prodotto, o sul mercato locale frequentato soprattutto dai turisti. I tre produttori di carote di Polignano si sono riuniti nell’associazione “La bastinaca di San Vito” (bastinaca o pastinaca è il nome dialettale che si dà a queste carote) che ha come scopo di far conoscere questa carota e incentivare i contadini a proseguire la coltivazione, per non perdere una delle tradizioni agricole più importanti di questo territorio.

Area di produzione
Comune di Polignano a Mare (provincia di Bari)

Presidio sostenuto da
Regione Puglia

POST A COMMENT