• No products in the cart.
  • No products in the cart.

La focaccia barese

HomeRicetteLa focaccia barese
focaccia barese

La focaccia barese

La Focaccia barese è un lievitato da forno originario del territorio pugliese; si realizza in un modo molto semplice e veloce e con un impasto a base di acqua, lievito, farina, semola rimacinata e patate lesse che la rendono morbida! Viene condita nella sua espressione più tradizionale con  pomodorini ciliegina profumati all’origanoolive nere e olio extravergine, ma la creatività in cucina non ha limiti e puoi utilizzare tutti i prodotti che ritieni piu opportuni! Il risultato è una pizza  Alta, dal bordo croccante  leggermente unto e dalla consistenza sofficissima, la Focaccia barese è una bontà senza paragoni! lo street food per eccellenza della città di Bari e della Puglia perchè la trovi ovunque in ogni angolo delle città pugliesi e viene consumata in ogni momento della giornata, da uno spuntino in strada, alla cena in famiglia!

Ricetta originale della Focaccia barese tradizionale, condita esclusivamente con i pomodorini a grappoli, e le olive nere baresane; che se non trovate, potete sostituire con delle ottime olive nere a scelta!

Per l’impasto:

  • 200 gr di farina ‘0
  • 200 gr semola rimacinata di grano duro
  • 100 gr di farina manitoba (che potete sostituire con la farina 0 ma io vi consiglio di utilizzare per una morbidezza massima)
  • 300 gr acqua a temperatura ambiente
  • 150 gr patate intere
  • 15 gr di sale
  • 2 cucchiai e mezzo di olio extravergine
  • 2 cucchiaini di lievito di birra secco disidratato (4 gr) (in alternativa 10 gr di lievito di birra fresco)

Per condire:

  • 500 gr di pomodorini ciliegina
  • 15 – 20 olive nere
  • olio extravergine
  • sale

origano secco

Prima di tutto miscelate tutte le farine insieme, dal totale prelevatene 95 gr, disponete in una ciotola e unite al lievito e a 100 gr di acqua presa dal totale.

Mescolate insieme fino a formare un lievitino morbido. Coprite con una pellicola e lasciate lievitare a 26° (forno spento acceso da poco) per circa 2 h o comunque fino a quando non raddoppia di volume e si riempie di bollicine.

POST A COMMENT