• No products in the cart.
  • No products in the cart.

Pesce azzurro, cosa è e quali sono

HomeNovitàPesce azzurro, cosa è e quali sono
pesce azzurro

Pesce azzurro, cosa è e quali sono

Il termine pesce azzurro non identifica ad un gruppo scientificamente definito di pesce bensì è una denominazione puramente commerciale per individuare una varietà ittica. Il pesce azzurro è per la maggior parte dei casi di piccole dimensioni ma di differenti forme e  colorazioni diverse, in genere vengono definiti tali tutte quelle specie che hanno una colorazione che varia dal blu al verde e che corre lungo il dorso. In passato questi pesci erano considerati poveri e molto economici e proprio per questo hanno generato ricette popolari che ancora oggi vengono proposte su tutte le tavole delle famiglie italiane ed anche da chef famosi. Questi ultimi hanno contribuito però a far levitare i prezzi di acquisto così come la scoperta dei benefici dell’omega 3. In ogni caso il rapporto qualità/presto resta ancora buono.

Tra questi rientrano pesci come l’aguglia, l’alaccia, l’alice, la costardella, il lanzardo, il pesce sciabola, la sardina, il sugarello, lo sgombro. Inoltre possono essere considerati azzurri per la loro colorazione, anche molti pesci che, per dimensioni e forme, non hanno nulla in comune con “gli azzurri” più conosciuti. Tra questi troviamo l’alalunga, l’alletterato, il biso, la lampuga, la palamita, il pesce spada e il tonno.

questi pesci hanno un contenuto di grassi superiore alla media e del pesce bianco in generale, fattore che ha contribuito alla proliferazione di diversi metodi di conservazione, che vanno dal sotto sale, alla immersione nell’olio di oliva e la realizzazione di paste. In tutti i casi considerato che a differenza del pesce bianco, il pesce azzurro è molto più delicato, conviene all’acquisto e se vuole essere conservato più a lungo, eviscerarlo e porlo immediatamente in frigo affinchè possa essere destinato ad un rapido consumo o surgelarlo per conservarlo più a lungo e comunque è consigliabile consumarlo in questo caso entro i 60 giorni successivi.

La peculiarità del pesce azzurro è che ha grassi del tutto simili a quelli dei vegetali e quindi in prevalenza da composti insaturi Omega-3 determinanti per lo sviluppo delle cellule celebrali ed a protezione dei sistema cardio circolatorio.ti ittici.

POST A COMMENT